L’inventore delle e-mail, Ray Tomlinson è morto.

job-opportunity-moovenda-02
Job Opportunity – Customer Care Manager – Moovenda
4 marzo 2016
ggdwebinary-crowdfundinglab-girlgeekdinnersroma
Le GGD Roma presentano GGDWebinar #1: il Crowdfunding Lab
10 marzo 2016

L’inventore delle e-mail, Ray Tomlinson è morto.

ray-tomlinson-gilrgeekdinnersroma-o2

L’inventore delle e-mail, Ray Tomlinson è morto. Ha rivoluzionato il sistema delle comunicazioni e introdotto un simbolo entrato nell’abc del web, la “@”.

L’ electronic mail è stata creata nel 1971 dallo statunitense Ray Tomlinson che installò un sistema in grado di interscambiare messaggi tra le università sulla rete ARPANET, rete di computer responsabile della creazione di nuove tecnologie utilizzabili per uso militare all’ interno del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. La prima e-mail percorse una distanza di appena un metro e a quel tempo era impensabile che la posta elettronica potesse diventare un mezzo di comunicazione diffuso tra milioni di utenti poichè esisteva ancora un esiguo numero di computer.

 

ray-tomlinson-gilrgeekdinnersroma

Ray Tomlinson, spiega la Cnn, inventò la casella di posta elettronica mentre lavorava in un’azienda tecnologica di Boston, ben lontano quindi dalla “Silicon Valley”. A quell’epoca esisteva ancora il “genitore” di Internet, Arpanet, la rete di computer studiata nel 1969 dalla Darpa, l’agenzia del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti responsabile per lo sviluppo di nuove tecnologie ad uso militare e, incredibile a dirsi, era quasi impossibile mandarsi un messaggio. I computer all’epoca erano enormi, occupavano intere stanze e nessuno aveva mai pensato a un modo per mandarsi messaggi attraverso di loro.

Poi qualcuno ci pensò, Ray Tomlinson che nel 2012 parlando di quei monumenti nelle stanze ebbe a dire: “I computer all’epoca erano molto cari. Ognuno di loro poteva costare 2-300 mila dollari degli anni ’70″. Serviva quindi un modo per far fruttare queste risorse. Ray Tomlinson all’inizio pensò a un protocollo per una casella di posta elettronica ma era troppo complesso. A quel punto si concentrò su un progetto più semplice che prevedeva l’uso della “@” per indicare il luogo della corrispondenza. La scelta della chiocciola non fu casuale. In inglese “@” si legge “at”, “a”, ed è l’unica preposizione presente sulla testiera di un computer.

ray-tomlinson-gilrgeekdinnersroma-o3

La @ nasce come unione stilizzata delle lettere “a” e “d” minuscole formanti la locuzione latina ad (cioè “verso”, nei moti a luogo).

Ray Tomlinson creò all’epoca qualcosa di rivoluzionario. Come spiegato da lui stesso, all’epoca esistevano solo i telefoni e non c’era modo di lasciare un messaggio. A quel punto ci si poteva affidare a un servizio di risposta ma costava troppo. Allora ha pensato all’e-mail, un sistema per lasciare un messaggio scritto da leggere in ogni momento. Con l’esplosione della Rete e la diffusione sempre più capillare dei computer in tutto il mondo con una chiocciola si potevano raggiungere milioni di persone. Il boom si ebbe alla fine degli anni ’80 e ancora oggi, in un’epoca di Facebook, smartphone e hashtag le e-mail sono fondamentali nella vita di tutti i giorni e Ray Tomlinson per la sua invenzione nel 2012 si guadagnò l’ingresso nella Internet Hall of Fame.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *