Donazione degli organi e impronte digitali: ecco la Carta d’Identità Elettronica – Via Digital Champions


Warning: Use of undefined constant linklove - assumed 'linklove' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /homepages/4/d555859369/htdocs/girlgeekdinnersroma.it/wp-content/plugins/facebook-comments-plugin/class-frontend.php on line 99

Le GGDRoma vi segnalano questo interessantissimo articolo di Digital Champions dove è presentata in maniera dettagliata l’introduzione della nuova CIE: Carta d’Identità Elettronica.

Sei giorni lavorativi per ottenerla, avrà le impronte digitali (ma non per i minorenni) e la possibilità di indicare se si è o meno donatori di organi. Tutto in un microchip. La Carta d’identità elettronica (CIE è l’acronimo ufficiale) è realtà, ed era attesa da quasi venti anni. La disciplina per il rilascio è contenuta nel decreto del ministero dell’Interno (emanato con il ministero dell’Economia e delle Dinanze e con il ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione) del 23 dicembre 2015 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 30 dicembre 2015 n. 302) che fissa appunto le modalità tecniche di emissione della carta d’identità elettronica. Il piano per il rilascio della CIE sarà graduale e i vari passi saranno fissati da una commissione. Previsto anche un Pin permetterà l’accesso ai servizi online.

COME SI RICHIEDE

La richiesta di rilascio si presenta all’ufficio anagrafico del comune di residenza o al consolato, se residenti all’estero. Il cittadino maggiorenne, in sede di richiesta al Comune di rilascio della carta d’identità elettronica, potrà indicare il proprio consenso, o anche il diniego, alla donazione di organi e tessuti in caso di morte. Nel caso in cui il cittadino intenderà modificare la propria volontà, si dovrà recare presso la propria Asl di appartenenza oppure le aziende ospedaliere o gli ambulatori dei medici di medicina generale o i centri regionali per i trapianti o anche presso il comune.

QUI I 19 ARTICOLI DEL DECRETOgirl-geek-dinners-roma03

Comments

comments

Powered by Facebook Comments